2 Maggio 2022

Ucraina: il punto di vista di Noam Chomsky

Visualizzazioni: 8 Fonte: www.pressenza.com Stati Uniti – Noam Chomsky Traduzione dall’inglese di Dominique Florein. Revisione di Thomas Schmid. Noam Chomsky intervistato da C.J. Polychroniou per Truthout “L’invasione dell’Ucraina dalla Russia ha colto buona parte del mondo di sorpresa. E’ un attacco non provocato e ingiustificato che rimarrà nella Storia 

Società
Italia ricca di rinnovabili inutilizzate; ora, con la crisi Russia-Ucraina, prega che non si chiudano i “rubinetti del fossile”

Italia ricca di rinnovabili inutilizzate; ora, con la crisi Russia-Ucraina, prega che non si chiudano i “rubinetti del fossile”

Visualizzazioni: 2 Fonte: www.ilcambiamento.it di Paolo Ermani Sono “solo” più di trent’anni che chi si occupa di sostenibilità e rinnovabili propone, in ambito energetico, soluzioni razionali e sensate. Eppure, avete forse visto qualcosa di razionale e sensato deciso dai governi nel corso di tutti questi anni? 

Siamo in guerra contro la specie umana. Facciamo il punto

Siamo in guerra contro la specie umana. Facciamo il punto

Visualizzazioni: 10 Fonte: www.italiachecambia.org di Daniel Tarozzi Donne ucraine al centro dell’attenzione, Europa e America che sembrano voler tornare a politiche incentrate su gas e nucleare e italiche restrizioni, che sembrano non finire mai. Tutto è interconnesso in questa folle guerra contro noi stessi. Cosa 

L’Ucraina e il bisogno di pacifismo

L’Ucraina e il bisogno di pacifismo

Visualizzazioni: 2 Fonte: www.comune-info.net di Giulio Marcon Abbiamo bisogno di una immediata mobilitazione pacifista che sappia rilanciare l’obiettivo di un’Europa senza blocchi. Abbiamo bisogno di una nuova conferenza di Helsinki sui diritti umani e di una fascia denuclearizzata e senza missili tra la Russia e 

Che razza di nozione infondata

Che razza di nozione infondata

Visualizzazioni: 6 Fonte: www.comune-info.net di Annamaria Rivera Decine di progetti finanziati dall’Unione Europea, da ministeri e amministrazioni locali italiane e da istituzioni mondiali varie invitano a contrastare un generico “odio” e discriminazioni di ogni genere, anche quelle “fondate sulla razza”. Non va bene. Sulla confusione