Tag: franco lorenzoni

Il sogno di Maria Montessori

Il sogno di Maria Montessori

Visualizzazioni: 15 Fonte: www.comune-info.net Centocinquanta anni fa nasceva Maria Montessori. Ha portato grandi rivoluzioni nel campo dell’educazione (a cominciare dal suo “aiutami a fare da solo”) perché, ricorda Franco Lorenzoni, era capace di grandi visioni. Già nel 1936 quando il mondo stava per precipitare nella 

La madre del pensiero

La madre del pensiero

Visualizzazioni: 22 Fonte: www.comune-info.net Deve ancora crescere e diffondersi una pedagogia dell’ascolto sistematica del pensiero infantile. Bambine e bambini rivelavano modi di pensare del tutto diversi dai nostri, ricchi di emozioni, con cui è necessario colloquiare perché, come ricordava Alessandra Ginzburg, l’emozione è la madre 

Diamoci da fare

Diamoci da fare

Visualizzazioni: 38 Fonte: www.comune-info.net Genitori e insegnanti non sono scesi in piazza solo per dire che la didattica a distanza non basta. Lo hanno fatto prima di tutto per nutrire il bisogno di cambiare strada, per imparare a immaginare e costruire percorsi diversi. “Dobbiamo inaugurare 

La solitudine della storia

La solitudine della storia

Visualizzazioni: 27 Fonte: www.comune-info.net Come si celebra la giornata della memoria in un paese smemorato? Secondo Franco Lorenzoni nella scuola e non solo nella scuola abbiamo il dovere di ripensare all’insegnamento della storia perché è evidente che qualcosa non va. C’è da superare la povertà 

Un immaginario diverso

Un immaginario diverso

Visualizzazioni: 20 Fonte: www.comune-info.net Abbiamo bisogno non solo di rifiutare la metafora della guerra utilizzata per contrastare il virus, ma di cercare e affinare linguaggi che ci permettano di vivere con intensità e pensare con profondità questo tempo. Scrive Franco Lorenzoni: “Nessuno avrebbe immaginato, solo 

Attraversare il conflitto

Attraversare il conflitto

Visualizzazioni: 136 Fonte: www.comune-info.net Abitare il conflitto significa imparare a costruire ponti e ad abbattere muri. Certo, non è un percorso scontato. Ma da Chieti arrivano due buone notizie. La prima: è possibile farlo perfino con il canto, il teatro, la matematica, la musica, il