La pandemia della salute mentale

La pandemia della salute mentale

Fonte: www.comune-info.net

di Sara Gandini

Aumento del disturbo depressivo e dei disturbi d’ansia, tra le donne più degli uomini. Crescita drammatica del numero di suicidi. Diffusione del malessere psicologico tra gli studenti e le studentesse, ma anche tra i bambini e le bambine. Le conseguenze della pandemia e della sua gestione “binaria” (bianco/nero, sano/malato) hanno molti volti, di certo meno rilevanti rispetto alle esigenze dell’economia. Intanto, secondo l’Oms, i problemi di salute mentale si preparano a diventare la principale causa di disabilità nel mondo. Per queste e altre ragioni la protesta degli studenti di queste settimane (18 febbraio mobilitazione in tante città) resta un segno di speranza.

Rete degli studenti Medi, milano, salute mentale
Roma, 4 febbraio 2022: corteo (foto tratta dalla pag. fb Rete degli Studenti Medi)

Una revisione sistematica della letteratura e meta-analisi pubblicata su The lancet mostra un aumento sostanziale della prevalenza e dell’entità del disturbo depressivo maggiore e dei disturbi d’ansia a seguito della pandemia di Covid-19.

L’aumento della prevalenza del disturbo depressivo maggiore e dei disturbi d’ansia durante il 2020 è stato associato all’aumento dei tassi di infezione da SARS-CoV-2 e alla diminuzione della mobilità umana. Questi due indicatori di impatto del COVID-19 hanno incorporato, tra gli altri fattori, gli effetti combinati della diffusione del virus, dei lockdown, degli ordini di rimanere a casa, della diminuzione dei trasporti pubblici, della chiusura di scuole e aziende e della diminuzione delle interazioni sociali. I paesi più colpiti dalla pandemia nel 2020 hanno registrato i maggiori aumenti nella prevalenza di questi disturbi.

Gli autori commentano così le differenze tra i sessi e per età: “Il maggiore aumento della prevalenza del disturbo tra le femmine rispetto ai maschi, che ha comportato una differenza di prevalenza tra i sessi ancora maggiore rispetto a prima della pandemia, era previsto perché le femmine hanno maggiori probabilità di essere colpite dalle conseguenze sociali ed economiche della pandemia. È più probabile che ulteriori responsabilità familiari dovute alla chiusura delle scuole o al malessere dei membri della famiglia ricadano sulle donne. Le donne hanno maggiori probabilità di essere finanziariamente svantaggiate durante la pandemia a causa di salari più bassi, meno risparmi e un’occupazione meno sicura rispetto alle loro controparti maschili. È anche più probabile che siano vittime di violenze domestiche, la cui prevalenza è aumentata durante i periodi di lockdown e gli ordini di rimanere a casa. Abbiamo anche stimato un cambiamento maggiore nella prevalenza del disturbo depressivo maggiore e dei disturbi d’ansia tra i gruppi di età più giovani rispetto ai gruppi di età più avanzata”.

Recentemente hanno chiesto al presidente degli psicologi italiani David Lazzari: “Secondo gli studenti la DAD ha apportato danni al loro benessere-psicofisico, è anche il suo parere?”. E lui risponde: “Non è un parere, è il risultato delle indagini. Penso in particolare a quelle che il Centro Studi del CNOP ha effettuato con l’Istituto Piepoli sugli studenti italiani. I risultati sono chiari. Ma sono anni che bambini e adolescenti mostrano sia una aumento dei disturbi dello sviluppo che, soprattutto, un forte malessere psicologico, una fatica adattiva che aumenta da anni, un campanello d’allarme ignorato. Perché finché i giovani non fanno gesti eclatanti, aggressioni di massa o tentativi di suicidio, non trovano attenzione e risposte. Noi che studiamo lo sviluppo psicologico degli individui non veniamo mai consultati. Le nostre evidenze scientifiche e pratiche rimangono inascoltate”. E poi aggiunge: “La logica che guida le istituzioni è quella binaria: bianco/nero, sano/malato. Una logica perdente, che ignora la complessità del reale e dei fenomeni umani”. Parole più precise è difficile trovarle.

In Spagna al Forum di Incontri Interdisciplinari, dal titolo “Salute mentale: una nuova pandemia?” mostrano che le cifre dei suicidi stanno raggiungendo livelli drammatici: “3.941 nel 2020 (la cifra più alta della storia, secondo l’Istituto Nazionale di Statistica (INE)), di cui 1.479 di giovani e adolescenti”. Secondo l’Oms i problemi di salute mentale saranno la “principale causa di disabilità nel mondo nel 2030”Fortunatamente non accenna a placarsi la protesta degli studenti. L’occupazione del liceo Classico Carducci a Milano mostra che le loro ragioni sono numerose. “Il Covid ha letteralmente rivoluzionato la quotidianità scolastica con l’introduzione della didattica a distanza, ma soprattutto ampliando la sgradevole sensazione di essere in fondo alla cima della priorità, al contrario delle attività economiche”.

Vuoi essere aggiornato circa le notizie che con voi condividiamo?

ISCRIVITI alla nostra pagina Facebook