Diritti umani? Il modo migliore per difenderli è dare più spazio al Terzo settore

Diritti umani? Il modo migliore per difenderli è dare più spazio al Terzo settore

Fonte: www.vita.it

Giacinto Bisogni, magistrato della Corte di Cassazione, ospite di Solidaria 2019, il festival del Volontariato in corso a Padova, analizza per Vita il tema dei diritti nell’epoca delle migrazioni, tra giurisprudenza, leggi e nuove emergenze sociali. «L’amore per l’altro, per il diverso è alla base del mondo sociale»

I diritti umani costituiscono ancora il paradigma condiviso della democrazia? Libertà e uguaglianza, non discriminazione, libertà di circolazione fuori e dentro i confini nazionali, giusto processo e così via sono ancora elementi della nostra vita quotidiana? Cosa rischiamo ad abdicare ad altre e più suadenti parole d’ordine? A rispondere Giacinto Bisogni, magistrato della Corte di Cassazione che ha approfondito il tema anche a Solidaria 2019, il Festival del Volontariato in corso a Padova. L’intervista


In Italia esiste un rischio deriva rispetto ai diritti umani e ai Principi Fondamentali della Costituzione?

È un momento delicato. La crisi economica e la mancanza di risorse, che spetto è più millantata che vera, sta mettendo in discussione tutti quei diritti che hanno a che fare con il welfare, la sicurezza sociale, la tutela del lavoro e alla tutela delle persone con fragilità. Se a questo si aggiunge l’indebolimento del sindacato che acuisce problemi come quello del precariato.

Poi ci sono i migranti…

Certo. E anche in questo caso il tema è di risorse. Se si hanno le risorse per integrare e per facilitare l’accesso al lavoro tutto si sdrammatizzerebbe. In mancanza di questi strumenti invece il fenomeno migratorio genera odi e razzismi mettendo in discussioni principi come l’uguaglianza.

Oltre a nascere forme di illegalità diffusa come il caso che ha sollevato Vita sul caporalato nella gig economy…

Assolutamente. È un altro effetto di questo corto circuito. Ma per i migranti, anche quelli che sono regolari, non c’è di fatto un pari trattamento nel mondo del lavoro. Non sono sindacalizzati, non conoscono i propri diritti e c’è chi si approfitta di queste situazioni mentre la politica guarda da un’altra parte.

Quindi chi deve trovare la soluzione al rebus. Le leggi che ci sono oggi sono già complete e basta l’applicazione da parte della magistratura o invece serve un impegno politico mirato?

C’è bisogno dell’uno e dell’altra. Servono leggi nuove, come è stato per il Reddito di Cittadinanza, che era importante introdurre. Il ruolo della giurisdizione è fondamentale per l’applicazione della legge conforme alla Costituzione. Ma a mio avviso la cosa più importante è un’altra. C’è un altro fattore che spesso viene dimenticato

Quale?

Il volontariato. Chi si impegna, mette mano e cerca di sostenere tutte quelle forme di servizi che vanno a intervenire su i due macro temi che dicevo, cioè la mancanza di percorsi di integrazione e l’aiuto alle fragilità, economiche e sociali, è il mondo del volontariato e della solidarietà. La Rivoluzione Francese si fondava su libertà, uguaglianza e fraternità. La fraternità intesa proprio come solidarietà è sempre più dimenticata. Sia in Italia che in Europa. La politica i questa fase dovrebbe puntare molto su quel mondo. Il portatore sano di questo visione del mondo è il Terzo Settore. Oggi questo settore dovrebbe essere messo al centro. Sia politicamente che culturalmente.

È il Terzo settore l’antivirus che può salvare i diritti umani?

Non c’è dubbio: l’amore per l’altro, per il diverso è alla base del mondo sociale. Pensiero cristiano e pensiero socialista, che sono la nostra provenienza culturale si fondano su questa sensibilità. Il Terzo settore è un nostro patrimonio e un risorsa enorme che naturalmente è portato alla difesa dei diritti.

Scritto da Lorenzo Maria Alvaro

Vuoi essere aggiornato circa le nostra notizie?

ISCRIVITI alla nostra pagina Facebook


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.